La famiglia adotta la neonata cinese con il cancro

Di Lindsay Barton

La famiglia White di Louisville, Kentucky, ora ha una casa piena. La figlia di 10 anni di Shelly White, Ryan Elizabeth, è rimasta incuriosita dalla difficile situazione degli orfani haitiani dopo il terremoto del 2012. Ha implorato i suoi genitori di adottare un orfano, chiedendo persino donazioni invece di giocattoli un Natale. I suoi genitori hanno ascoltato e i White hanno dato il benvenuto a una bambina di 1 anno, Mya, a marzo. Ha un tumore canceroso, ma ciò non impedisce alla sua nuova famiglia di amarla. Altro da OGGI:

"Ho avuto l'amore di una madre per lei subito", dice White, i cui altri figli sono 3, 6 e 9. "Non riesco davvero a spiegarlo. Non riuscivo a smettere di pensare a lei. Non riuscivo a toglierla. il mio cuore."

L'ospedale pediatrico Kosair di Louisville si impegnò a curare Mya gratuitamente per i bianchi, il che consentì alla ragazza di ricevere un visto medico di un anno e di venire negli Stati Uniti prima che fosse completata l'adozione. Mya è arrivata il 7 maggio, con i Bianchi che fungevano da custodi durante il processo di adozione.

"Abbiamo avuto questo amore per lei che è stato immediato e non è stata una decisione difficile a causa della nostra fede", afferma Shelly White. "La pace e il quarto stadio del cancro non vanno di pari passo, ma ce l'abbiamo solo con lei."

I bianchi avevano chiamato un amico di vecchia data e un anziano della chiesa, Scott Watkins, vice presidente delle operazioni di Norton Healthcare. Watkins ha raccolto $ 18.000 in impegni per aiutare con l'adozione e Norton Healthcare è proprietaria dell'ospedale che fornisce assistenza a Mya.

Mya ha il rabdomiosarcoma, il cancro del tessuto connettivo, nella sua pelvi. Dopo diversi cicli di chemioterapia, il tumore, che sporge dalla sua vagina, si è ridotto significativamente, ha affermato il dott. Stephen Wright, direttore medico di Kosair.

"Pensiamo che la prognosi a questo punto sia abbastanza buona", ha detto. "Siamo molto contenti di quanto il tumore stia rispondendo alla chemioterapia."

Mya non stava ottenendo le dosi ottimali di medicinali in Cina e probabilmente non sarebbe sopravvissuta, ha dichiarato Wright, che ha visto migliorare lo sviluppo di Mya nel breve periodo in cui è stata a Louisville.

"È un evento che cambia la vita che avrebbero aperto la loro casa e il loro cuore a qualcuno che non conoscevano affatto con un grave problema medico e le avrebbero fornito l'amore che non avrebbe avuto in un orfanotrofio", ha detto Wright del bianchi.

Immagine: tenendosi per mano, tramite Shutterstock

Guarda il video: Monica, la bimba down abbandonata nella culla termica a Napoli: "Ora avrà una famiglia" (Novembre 2019).

Loading...

Lascia Il Tuo Commento